ATTIVITÁ DIOCESANA
Centro Ecumenico Eugenio IV
Contrà Porta Santa Lucia, 63
36100 Vicenza

Sede operativa:
via della Racchetta, 9/c
36100 Vicenza
Telefono: 0444 234582
Fax: 0444 324096
Codice Fiscale: 95012620241
e-mail: info@centroeugenioiv.org
18 marzo 2012 - 8° INCONTRO INTERRELIGIOS0
REGOLA D'ORO: VIA POSSIBILE PER LA FRATERNITÁ UNIVERSALE

18 marzo 2012

8° INCONTRO INTERRELIGIOSO

REGOLA D'ORO: VIA POSSIBILE PER LA FRATERNITÁ UNIVERSALE

Teatro comunale - Vicenza





Sorprende trovare in tutte le religioni un messaggio comune di fraternità universale: “Fate agli altri quello che vorreste fosse fatto a voi” . È la cosiddetta “Regola d’oro” , che le religioni presenti nel Vicentino vogliono assumere come tema di dibattito ed insieme riproporre alla società perché possa diventare una convivenza più umana.
Se le ferite più acute sono rappresentate dal disprezzo e dalla strumentalizzazione della vita, di grande sofferenza quotidiana sono pure il rifiuto dell'altro, la chiusura negli interessi individuali, la mancanza di solidarietà e di condivisione dei beni nei momenti difficili. È possibile trovare un nuovo modo di vivere? La proposta della “Regola d’oro” da parte delle religioni rappresenta non solo un insegnamento etico ma una forza capace di motivare le coscienze, essendo un messaggio religioso per natura sua assoluto ed universale per i credenti.
Nel convegno che proponiamo, i rappresentanti delle quattro religioni cristiana, musulmana, hindù e sikh presenteranno al riguardo una testimonianza, che vuole diventare indicazione precisa per dare un’anima alla società nella quale viviamo.

Giuseppe Dal Ferro
presidente del Centro Eugenio IV

Agostino Pilati
responsabile del gruppo
“Religioni insieme”
La vita ordinata di una città si basa anche sul rispetto delle regole. Nel camminare per la strada, nell’abitare in un condominio, nel guidare l'auto o la bicicletta, nel fare la fila ad uno sportello pubblico, nello svolgere la propria attività lavorativa, nell’andare a scuola, ciascuno di noi é chiamato ad assumere dei comportamenti educati, civici, rispettosi dell’altro.
Cosí facendo esprimiamo il nostro desiderio di mettere tutti e tutte nelle condizioni di far valere I propri diritti senza per questo recare danno ed offesa ad altre persone.
Anche le religioni possono aiutare le nostre città ad una fraterna convivenza, perché non si puó essere un buon credente se non si é anche un buon cittadino.
Il messaggio che quest’anno le religioni vogliono portare all’attenzione delle nostre comunità e dei nostri territori ben si inserisce pertanto nel percorso di cittadinanza che, ogni giorno, ciascuno di noi cerca, con fiducia e serenità, di estendere a tutti gli uomini e a tutte le donne che oggi abitano le nostre città.

Giovanni Giuliari
assessore alla Famiglia e alla Pace
del Comune di Vicenza